logo I.TER progettazione ecologica del territorio territorio

Agro-ambientale

“Gli agricoltori e i forestali devono applicare metodi che preservino le qualità dei suoli”
(Art. 4 Carta europea del suolo, Consiglio d’Europa, 1972)


Il suolo sostiene fisicamente le colture e la vegetazione. Scambia con esse acqua e nutrienti, in un rapporto funzionale dinamico che si riflette sulle caratteristiche qualitative finali dei prodotti agricoli. Le informazioni inerenti le caratteristiche chimico-fisiche dei suoli rappresentano uno strumento fondamentale per coloro che svolgono assistenza tecnica in agricoltura. Conoscere i caratteri dei suoli consente di consigliare le pratiche colturali maggiormente idonee per una corretta gestione agro-ambientale del territorio e di individuare le potenzialità d’uso dei suoli. La conoscenza del legame suolo-coltura permette la valorizzazione dei prodotti di qualità e la realizzazione di Carte tematiche sull’attitudine dei suoli verso certi tipi di colture, utilizzando un metodo di lavoro partecipativo. Gli importanti risultati raggiunti in questo settore sono il frutto del lavoro interdisciplinare dei pedologi di I.TER con agronomi ed esperti forestali, che hanno discusso in campo le qualità agronomiche dei suoli e le considerazioni sulla loro conduzione. In particolare, I.TER si avvale dell’esperienza pluriennale di lavori interdisciplinari insieme a Università, Enti di ricerca, Organismi di produzione e funzionari pubblici.

Per ulteriori approfondimenti vedi la sezione Infosuolo.



Esperienze

 

 

Video Agro-ambientale

  • VALORIZZAZIONE DI ANGURIA E MELONE NELLE AREE TIPICHE EMILIANE ATTRAVERSO LE CARTE DEI SUOLI

    Loading the player ...

    Carla Scotti di I.TER. presenta il progetto di valorizzazione dell'anguria e del melone nelle aree tipiche emiliane attraverso la creazione di una carta dei suoli per le province più vocate a queste produzioni. Il progetto rientra nelle attività svolte nell'ambito della legge regionale 28/98: ricerca e innovazione a supporto delle produzioni agricole delle zone colpite dal sisma del 20 e 29 Maggio 2012.