logo I.TER progettazione ecologica del territorio territorio

FRUTTIFI_CO

Iniziativa realizzata nell’ambito del Programma regionale di sviluppo rurale 2014-2020 – Tipo di operazione 16.1.01 – Gruppi operativi del partenariato europeo per l’innovazione: “produttività e sostenibilità dell’agricoltura” – Focus Area 5E – Progetto FRUTTIFI_CO

FRUTTIFI_CO: FRUTTICOLTURA FINALIZZATA IMPRONTA CARBONIO ORGANICO

La moderna agricoltura ha la possibilità di contribuire considerevolmente alla mitigazione dei cambiamenti climatici in atto attraverso due meccanismi principali: la riduzione delle emissioni di gas serra (GHGs) e l’aumento degli assorbimenti di anidride carbonica atmosferica nel sistema suolo-pianta. Il primo è legato a pratiche agricole attente al mantenimento della sostanza organica e alla riduzione degli apporti di concimi azotati. Il secondo meccanismo, invece, si basa sulla capacità dei sistemi agricoli di sottrarre carbonio dall’atmosfera per periodi più o meno lunghi, “sequestrandolo” sotto forma di biomasse vegetali e/sostanza organica del suolo.
Sulla base di queste considerazioni, è nato il Gruppo Operativo FRUTTIFI_CO: FRUTTIcoltura Finalizzata Impronta Carbonio Organico composto da Enti di Ricerca (CRPV, I.TER e UNIBO) e da cinque Aziende agricole conferenti ai principali organismi di produzione del settore frutticolo emiliano-romagnolo (Apofruit Italia, Agrintesa e Granfrutta Zani) che condividono l’obiettivo di avviare un monitoraggio dell’impronta carbonica del settore frutticolo in riferimento alla capacità del suolo di sequestrare carbonio organico. Le aziende partner, oltre a essere collocate in ambienti pedologici differenti rappresentano anche le diverse tipologie di produzione del settore frutticolo: produzione integrata, biologica e biodinamica. Gli obiettivi che si intendono perseguire sono i seguenti:
- verificare il contenuto di carbonio nei suoli investiti a colture frutticole, considerato che negli ultimi 15-20 anni l’inerbimento si è consolidato come pratica di gestione dell’interfilare e pertanto si presume che la sostanza organica possa essere aumentata rispetto ai dati disponibili nelle carte dei suoli regionali, risalenti prevalentemente agli anni ‘90;
- incentivare l’utilizzazione dell’analizzatore elementare (CN analyzer) per la valutazione della sostanza organica del suolo, a scapito dell’ampiamente usato metodo di Walkey & Black, per motivi legati al grave impatto ambientale del bicromato di potassio, reagente altamente cancerogeno, utilizzato in questo ultimo metodo;
- applicare indici legati alla biomassa microbica, che è un pool attivo e labile della sostanza organica, quali il quoziente metabolico (qCO2), quoziente microbico (qMic), quoziente di mineralizzazione (qM) e l’indice di fertilità biologica (IFB) per comprendere le dinamiche del turnover del C organico nel suolo;
- definire l’impatto ambientale derivante dalla coltivazione di alcune specie frutticole in termini di emissioni di gas serra attraverso il processo del Life Cycle Assesment.
Tutto ciò è volto a individuare e quantificare le pratiche agricole volte a mitigare le emissioni di gas serra e definire e condividere appropriate “linee guida” di gestione agronomica del frutteto finalizzate al sequestro di carbonio organico all’interno del suolo in funzione delle specie frutticole.

FONTE FINANZIAMENTO: Psr 2014-2020 REGIONE EMILIA-ROMAGNA Misura 16.1.01 - Gruppi operativi del partenariato europeo per la produttività e la sostenibilità dell'agricoltura

% FINANZIAMENTO: 100% Misura 16 Focus Area 5E - 80% Misura 1
COSTO TOTALE: 199804,59 €
CONTRIBUTO AMMESSO: 199308,59 €

Con il contributo di FEASR:
http://eur-lex.europa.eu/legal-content/IT/TXT/?uri=URISERV:l60032
REGOLAMENTO (UE) N. 1305/2013 DEL PARLAMENTO EUROPEO E DEL CONSIGLIO
http://eur-lex.europa.eu/legal-content/IT/TXT/?uri=CELEX%3A32013R1305

Data inizio progetto: 01/04/2017; data fine progetto: 31/03/2020

Partner del GOI FRUTTI_FICO:

Partner effettivi:
Centro Ricerche Produzioni Vegetali C.R.P.V. (Capofila)
I.Ter Soc. Coop.
Alma Mater Studiorum – Università di Bologna
Biondi Massimo

Partner associati:
Spada Turilli Maria Luisa e Figli
Savorani Maurizio
Soc. Agr. Zani Monica e Zani Maurizio
Mercuriali Flavio


Approfondimenti